lunedì 1 dicembre 2014

Racconto #2: Cut the rope (app in a box)

Ciao a tutti!

e bentornati ad un nuovo racconto.
Oggi vi parlerò di Cut the rope!
Il gioco nasce in realtà dalla famosissima applicazione ...
Lo ammetto, anch'io l'ho scaricata ma anche se le regole son davvero poche, semplici e coincise secondo me è difficilissimo!
Della serie sono riuscito a fare i primi livelli e basta, proprio non riesco a colpire quelle stellette malefiche!
Le regole sono semplici: colpire le tre stelle con la caramella per poi farla cadere dritta in bocca ad Om Nom, il mostriciattolo verde tanto carino quanto goloso!! (magari cercando di evitare gli ostacoli...)
Ecco , sono una schiappa!
Un giorno di qualche mese fa, camminando beato tra vestitini da neonato, tutine per bambini e scarpette dai 5-7 anni mi sono imbattuto in questa scatolina viola...

La guardai, e dentro di me iniziai a pensare ad un buon motivo per comprarlo...
Subito pensai che potevo prenderlo, poi se non mi piaceva potevo regalarlo a mio nipote di 7 anni.
Mi autoconvinsi (senza troppi sforzi) ad acquistarlo, arrivai a casa, aprii la scatola ed eccolo li, mi guardava intensamente.... Om Nom era li con i suoi occhioni e la sua boccuccia.
L'idea di regalarlo a mio nipote era già stata scartata definitivamente!! oh beh, ci sarà sicuramente qualcos'altro per lui....
Ecco il contenuto della scatola:




Le regole sono sostanzialmente le stesse dell'applicazione.
Si pesca una carta livello e si riproduce sul tavolo la medesima disposizione e prima di iniziare bisogna aprire LETTERALMENTE la bocca ad Om Nom.
Ogni giocatore ha 4 tagli (lanci) per colpire il maggior numero di stelle, ma attenzione, se la caramella non viene "mangiata" tutti i punti del round andranno immediatamente persi.
Sembra semplice, ma a complicarci la vita ci sono anche le assi chiodate e il famelico ragnetto nero.
Se la caramella tocca il ragno il vostro turno termina immediatamente, se invece toccate l'asse chiodata perdete un taglio,
In nostro aiuto però c'è la bolla!
Con la bolla si può spostare la caramella in avanti o indietro di quanto si vuole.
La cosa divertente è che quando Om Nom mangia la caramella il mostriciattolo chiuderà la bocca soddisfatto e con la pancia piena!
Il prima che totalizza più punti (cioè ha colpito più stelle) nel numero di turni stabiliti ad inizio partita, vince!
Il gioco è davvero semplice  e carino, lo paragonerei ad una sorta di mingolf da tavolo.
Quanto ci giochiamo (io e il nostro gruppogioco) le risate sono all'ordine del giorno, ma attenzione non pensate che sia un gioco spensierato, tutt'altro!
Leggero si, spensierato no!
Se di indole si è competitivi, beh questo gioco fa per voi, anzi se siete come me inizierete a fare progetti e previsioni sul percorso migliore da fare come se si stesse tracciando l'orbita per la nuova navicella NASA.
Per non parlare poi dei sberleffi che si fanno quanto un avversario non segue i tuoi preziosi consigli, perdendo la manche miseramente!
Gioco nato per deliziare i bimbi, trasformatosi poi in gioco per dichiarare guerra (ludica) ai propri amici.

NOME: Cut the rope
CATEGORIA: Gioco d'abilità
DURATA: 10 minuti a manche per una partita a 3 giocatori
GIOCATORI: 2-4 (nulla vieta di giocare da soli, stabilendo punti da raggiungere in 3/4 manches)
ETA' CONSIGLIATA: 5+  (suggerirei 7+)
COSTO: basso (io l'ho pagato circa 10 euro)

Valutazione:
adatto per chi vuole un gioco leggero e non impegnativo, è bello vedere come la gente si scervella per cercare il lancio perfetto, per ottenere il massimo dei punti, ed è bello sentire le risate quando costui non riesce....
Non adatto per chi vuole e cerca un gioco profondo ed impegnativo. E' l'opposto.

Spero vi sia piaciuto,
scrivetemi qui sotto cosa ne pensate e se ce lo avete come sono le vostre serate in compagnia di Om Nom, ogni vostro commento (anche anonimo) è molto gradito!
Io intanto stasera farò una delle mie classiche serate giochi, chissà cosa succederà....
Ciao!

Stefano.

Nessun commento:

Posta un commento