mercoledì 7 marzo 2018

LETTERE DA WHITECHAPEL

LETTERE DA WHITECHAPEL





VOTO GLOBALE: 7.94

ME MEDESIMO: voto 9.3
Parto subito dicendo che questo titolo è nella mia top 3.
Ne sono davvero innamorato, l'ambientazione è presente, la grafica molto curata e le meccaniche sono al servizio ( in modo molto intelligente) del gioco e della sua atmosfera.
Un giocatore interpreta Jack lo squartatore, ed ogni notte ( ogni round) partirà dal luogo del suo ultimo omicidio per dover tornare nella sua casa ( che è sempre la stessa per ogni turno) in sole 15 mosse.
Gli altri giocatori interpretano gli agenti di polizia che dovranno mettersi sulle tracce di Jack.
A loro disposizione hanno la possibilità di chiedergli se è passato in una delle caselle adiacenti alla loro, in modo da poter ricostruire il percorso ed individuare il prima possibile la sua abitazione.
Scopo di Jack è tornare a casa ogni round (quattro), mentre per gli agenti è quello di braccare e/o arrestare Jack.
La tensione è sempre più forte...
Si passa dal primo round molto semplice per Jack, fino ad arrivare all'ultimo dove avrà gli agenti alle calcagna per tutto il tempo (visto che nel frattempo saranno  riusciti ad individuare perlomeno la zona  d'arrivo).
Un gioco per 2-6 giocatori che è completamente immersivo.
Alcuni potrebbero trovarlo troppo lungo o ripetitivo ma penso davvero che sia uno dei migliori deduttivi in circolazione.
Forse è un filino sbilanciato a favore di Jack, vantaggio reso nullo se gli Agenti riescono a collaborare in modo  coeso tra di loro... sono pur sempre 1 contro 5!
L'espansione poi " Dear Boss" ha reso ancor più profondo e bilanciato questo titolo!
Gioco da avere assolutamente nella  vostra collezione!


IZIA: voto 7.7
Che giocone Whitechapel!
 Le pedine sono dei semplici segnalini colorati.. ma pazienza! Non tolgono nulla all'ambientazione della quale è protagonista la mappa (che non è altro che il tabellone di gioco) enorme e dettagliata, chiara e ricca di dettagli. Le regole sono poche e semplici (almeno in teoria). Jack fa le sue vittime e poi cerca di raggiungere la sua casa (che rimane la stessa per tutti e 4 i round). I poliziotti devono riuscire ad arrestarlo. Punto. Fino a qui tutto chiaro no? La parte difficile è.. come capire da quale parte jack si sarà diretto? Beh, conoscendo il punto dal quale è partito (cioè da dove ha fatto la sua vittima) e tenendo conto del fatto che a ogni round dovrà dirigersi sempre verso lo stesso posto.. il gioco è quasi fatto. Dico quasi perché a questo punto entra in gioco, secondo me, l'unico difetto di Whitechapel.. ritengo che Jack (che si sposta attraverso le caselle numerate) abbia troppa libertà di movimento rispetto ai poliziotti (che devono invece attraversare gli incroci). Le caselle numerate sono poche rispetto agli incroci.. lui riesce quindi a spostarsi molto più lontano in molti meno turni. A parte questo non ho niente da criticare. È bello e impegnativo, da giocare solo se si ha davvero voglia di farlo.. se si parte con lo spirito sbagliato ci si innervosirà e si giocherà a caso giusto per finire in fretta la partita.
ESTREMA soddisfazione in caso di vittoria!



GERRY: voto 6.8
Lettere da Whitechapel è un gioco con dei buoni materiali e dal regolamento relativamente semplice. Due grosse pecche che ci "costringono" a non poterlo intavolare spesso è la durata estremamente lunga ed una rigiocabilità (per quanto diversa ogni volta) ripetitiva.
La grafica è molto curata così come il tabellone.
Potrebbe esserci il pericolo del giocatore dominante che controlla anche le pedine degli altri agenti, però sta al giocatore far valere la propria ipotesi.
In due giocatori questo titolo diventa quasi "scacchistico" ed è bella la tensione che si crea, mentre in 5-6 giocatori gli agenti devono organizzarsi per bene ed adottare una strategia comune per poter prevalere.
A penalizzarlo molto è la lunga durata e la sua ripetitività, comunque è un buon titolo!


La copertina dell'espansione "Dear Boss"


VOTO BGG: 7.50 ( + 0.44)

NOTA A MARGINE: Non molto tempo fa GIOCHI UNITI ha rilasciato il gioco WHITEHALL che sopperisce alla lunga durata di questo titolo rendendolo più fruibile e snello... se volete approfondire potete leggere questo mio articolo.


Nessun commento:

Posta un commento